GLOBAL.GAP: dal 1° gennaio 2012 obbligatoria la nuova versione 4.0
Data: Wednesday, 23 November @ 21:47:18 CET
Argomento: Global GAB


                                                    Pubblicato il 23 Novembre 2011

Global GAP: Dal 1° gennaio 2012 sarà obbligatorio applicare la nuova versione dello Standard Global Gap; infatti dal 31 gennaio 2011 la versione 3.1 dello Standard Global GAP, sarà sostituita in via definitiva dalla versione 4.0.

Il nuovo protocollo, dello standard Global Gap, incorpora diverse modifiche relative a rintracciabilità, aspetti ambientali, uso degli agrofarmaci, tecniche di irrigazione, protezione integrata delle colture, modalità di raccolta e trattamenti post-raccolta, salute e sicurezza dei lavoratori, salute degli animali, gestione aziendale e delle risorse naturali, nonché i nuovi requisiti necessari al fine di ridurre la contaminazione microbiologica, introducendo significative novità relativamente sia alle regole di certificazione  che all’interpretazione dello standard.

Le novità nel nuovo standard Global Gap versione 4.0

Ø       Requisiti per le aziende multisito e per il sito di manipolazione
Le stesse regole di certificazione possono essere applicate ai gruppi in Opzione 2 e ai produttori singoli in Opzione 1 con più siti e che hanno implementato un SGQ. Entrambi dovranno rispettare le prescrizioni di cui alla parte II del Regolamento Generale GG.
Se un gruppo di produttori o un’azienda multisito si unisce ad un altro gruppo o multisito, i due sistemi di gestione della qualità si fondono in un unico sistema gestito da un unico soggetto giuridico che sarà il titolare del certificato.

Ø      Qualifica degli Internal Auditor/Ispettore
Tutti gli Auditor e gli ispettori in forze in una PMO devono essere registrati all'interno del database GLOBAL G.A.P. La registrazione comporta un costo aggiuntivo di registrazione annuale pari a 50 € per ciascun auditor/ispettore registrato; la quota comprende l'accesso alla formazione on-line GLOBALG.A.P.
Requisito minimo per un gruppo di produttori è quello di registrare un valutatore interno e/o un auditor interno.

Ø      Gestione dei prodotti certificati e non, all’interno della stessa azienda
È possibile coltivare prodotti certificati e non certificati della stessa specie sotto la stessa ragione giuridica nel rispetto delle seguenti disposizioni: la produzione parallela di prodotti certificati e non certificati della stessa specie  non è possibile nella stessa azienda a livello di singolo produttore (Opzione 1 o membri Opzione 2); la produzione parallela di sub-specie di prodotti certificati e non certificati (ad esempio castagne di Roccamonfina e marroni di Viterbo) è possibile in tutte le opzioni e la PMU (unità di Gestione della Produzione registrata nella banca dati GLOBALGAP e indicata sul certificato) deve essere specificata; la Proprietà Parallela all'interno dello stessa struttura post-raccolta (PHU) è possibile; la Produzione Parallela non è applicabile ai gruppi di produttori in cui alcuni membri del gruppo non sono registrati per la certificazione GLOBALG.AP. Se, invece, il gruppo acquista prodotti non certificati all’esterno del gruppo, la proprietà parallela va applicata. Tutti i prodotti certificati e non certificati e le PMU devono essere registrati presso GLOBALG.AP; tutti i prodotti certificati in uscita dall'azienda nell’etichetta devono riportare il numero di registrazione GLOBALGAP  assegnato che identifica la PMU certificata da cui provengono.
Ø      Utilizzo del Logo e GGN (GlobalG.A.P. Number)
Qualsiasi abuso del logo GLOBALG.A.P. comporta l'esclusione dalla certificazione per 12 mesi dopo che l'abuso è stato dimostrato. Qualsiasi caso di abuso è comunicato ai membri GLOBALG.AP.
Il GGN può essere utilizzato sul prodotto e/o sulla confezione finale nel punto di vendita. Solo il titolare di un certificato valido GLOBALG.A.P. o standard di sicurezza alimentare riconosciuto GFSI o di qualsiasi altra norma riconosciuta dal GLOBALG.A.P. può etichettare il prodotto con il GGN. Il GGN rilasciato da GLOBALG.AP può essere usato solo in relazione con il Sistema GLOBALG.A.P.; è vietato l'uso in qualsiasi altro contesto o in relazione a terzi.

Ø      Onere della prova
Nel caso di comunicazioni che presentino un potenziale impatto sullo stato del certificato inviate al segretariato GLOBALG.A.P. circa un produttore GLOBALG.A.P. certificato, è responsabilità del produttore confutare l'affermazione attraverso una verifica dei fatti e invio di elementi di prova per la conformità con lo standard GLOBALG.A.P.

Ø      Rapporto con GLOBAL GAP
Prima di chiedere la registrazione di nuovi scopi, di prodotti o di nuovi agricoltori da includere nel certificato di gruppi di agricoltori (PMO Opzione 2), è obbligatorio comunicare nuovamente, all'Organismo di Certificazione, il GGN (GlobalG.A.P. Number) precedentemente assegnato da GLOBAL GAP.
 
La mancata dichiarazione comporta una maggiorazione della quota d'iscrizione di 100 € per un produttore Opzione 1 e 500 € per un gruppo di produttori Opzione 2, da corrispondere a GLOBAL G.A.P.



Nota
Sei interessato a news su questo argomento? Iscriviti alla
Mail-List o inviaci una mail all'indirizzo info@consulenzaleonardo.com.
Specificando l'argomento di interesse (Certificazione ISO 9001, Certificazione ISO 14001, Certificazione ISO 2200, Certificazione ISO 22005, Certificazione ISO 3834, Certificazione BRC, Certificazione IFS, Certificazione Global GAP, Sicurezza sul lavoro (Dlg. 81/08), Marcature CE, Gestione Rifiuti (SISTRI), Gestione della Privacy aziendale, ...tutti).




                                                                                                   
Consulenza per aziende Leonardo
Certificazione ISO 9001, Certificazione ISO 14001, Certificazione ISO 2200, Certificazione ISO 22005, Certificazione ISO 3834, Certificazione BRC, Certificazione IFS, Certificazione Global GAP.
Sicurezza sul lavoro (Dlg. 81/08), Marcature CE, Gestione Rifiuti (SISTRI), Gestione della Privacy aziendale










Questo Articolo proviene da Associazione Professionale Leonardo
http://www.consulenzaleonardo.com

L'URL per questa storia è:
http://www.consulenzaleonardo.com/modules.php?name=News&file=article&sid=17